domenica, Aprile 14, 2024
Google search engine
HomeCyber SecuritySiti legali nel Dark Web

Siti legali nel Dark Web

Dark Web è una porzione della rete internet non accessibile tramite i motori di ricerca tradizionali: non è indicizzata ed è illegale in molti paesi del mondo. Tuttavia molti siti del Dark Web sono legali e sicuri, anche se anonimi. Almeno in linea teorica: la prudenza non è mai troppa.

La navigazione è legale. L’utilizzo… dipende.

Navigare nel Dark Web non è considerato illegale in Italia. Non esiste alcuna legge italiana o internazionale che proibisca l’accesso al dark web, il quale non comporta alcun rischio legale in sè. Non è reato navigare nel Dark Web, per lo meno non in Italia: è vero che alcune attività ed alcuni siti sono illegali, ma la maggioranza sono perfettamente legali, per cui dipende tutto da cosa si ricerca e da cosa si fa nel Dark Web. QUI un approfondimento

Comunque alcune attività che si svolgono all’interno del Dark Web potrebbero essere illecite, perciò è importante utilizzarlo con molta attenzione. Bisogna imperativamente evitare di partecipare ad attività illegali. O anche solo farne una ricerca per soddisfare una curiosità o per spirito goliardico, perché le conseguenze penali potrebbero essere gravi.

Nel Dark Web gli utenti possono rimanere anonimi e navigare in modo sicuro: per questo motivo la criminalità organizzata o singoli criminali lo utilizzano inevitabilmente per attività illegali (purtroppo).

Tor e I2P

Il Dark Web è accessibile solo tramite software appositi come Tor (The Onion Router) o I2P (Invisible Internet Project) e si serve di protocolli di crittografia per garantire la sicurezza dei dati trasmessi.

Il Dark Web è accessibile solo tramite software appositi come Tor

I pericoli della navigazione nel Dark Web

L’accesso al dark web è pericoloso e può esporre gli utenti a:

  • contenuti illegali
  • rischi per la sicurezza
  • truffe finanziarie
  • furti d’identità
  • diffusione di virus informatici
  • attività illecite (vendita di droghe, armi e materiale pedopornografico)

Il consiglio è quello di non visitare il Dark Web. Si raccomanda la ricerca di informazioni solo da fonti affidabili e lecite sul web in chiaro (www).

Negli ultimi anni, il dark web è diventato sempre più popolare perchè è uno degli spazi virtuali più misteriosi ed interessanti di Internet.

La maggior parte dei siti del Dark Web sono nascosti e difficili da trovare; possono cambiare spesso nome; e le autorità spesso li chiudono da un giorno all’altro (questo per la verità succede anche per molti siti sul web in chiaro).

A favore, è corretto ammettere che non tutti i siti del Dark Web sono riservati ad attività illegali: molti di questi offrono ai loro utenti informazioni utili, risorse interessanti e servizi innovativi.

Siti legali del Dark Web

Di seguito si riporta una classifica dei migliori siti del Dark Web che offrono servizi legali e sicuri:

1. DuckDuckGo: è un motore di ricerca che fornisce risultati completamente anonimi e privi di tracciamento; consente agli utenti di ricercare contenuti nascosti nel dark web. Il servizio offre anche alcune funzionalità aggiuntive, come la possibilità di filtrare i risultati per tipo di contenuto. DuckDuckGo è presente anche sul Web in chiaro (www): è funzionale e non raccoglie dati personali degli utenti.

2. Torch: è uno dei più grandi motori di ricerca del Dark Web che offre risultati più aggiornati, accurati e più veloci rispetto ai motori di ricerca tradizionali. Offre una serie di strumenti di ricerca avanzata che aiuta gli utenti a trovare i contenuti più pertinenti.

3. OnionCity: è un motore di ricerca di servizi nascosti (Hidden Services) che utilizza l’anonimizzazione Tor. Ciò consente agli utenti di navigare in modo anonimo e sicuro su Internet. Onion.city è uno dei principali motori di ricerca per la rete Tor e offre una gamma di servizi nascosti, come forum, siti web, servizi di posta elettronica anonimo, servizio di streaming video, mercati online e molto altro.

4. Hidden Wiki: è un portale informativo con informazioni utili sui servizi, i siti web e le attività del Dark Web. Si tratta di una sorta di enciclopedia online che fornisce informazioni su tutti i siti nascosti nel dark web. Il sito offre una ricca varietà di contenuti, tra cui informazioni su servizi di hosting sicuri, forum anonimi, e molto altro ancora.

5. TorLinks: è una rete sviluppata da un gruppo di volontari con lo scopo di fornire un mezzo sicuro e anonimo per condividere informazioni in tutto il mondo. Utilizza un protocollo di comunicazione di tunneling che nasconde l’indirizzo IP dell’utente, rendendo difficile tracciare la navigazione.

Tutte le comunicazioni attraverso la rete TorLinks sono crittografate, rendendo di fatto impossibile a governi o aziende di monitorare le attività degli utenti. E’ molto utile per utenti che vivono in paese con regimi dittatoriali e censure pesanti.

Tor.links può essere utilizzata per una vasta gamma di scopi. Un utente può inviare e-mail, navigare su siti web, condividere file, partecipare a forum e chatroom, effettuare acquisti online e molto altro ancora.

Un’altra caratteristica di TorLinks è che consente agli utenti di creare siti web anonimi. Ciò significa che gli utenti possono creare siti web senza rivelare la propria identità. Questo può essere utile per coloro che desiderano condividere informazioni o pubblicare contenuti senza essere rintracciati.

6. The Hub: è una piattaforma di social networking che offre agli utenti la possibilità di incontrarsi e discutere di argomenti di interesse comune.

7. Deep Web Radio: è una piattaforma che offre agli utenti la possibilità di ascoltare musica e programmi radio su temi legati al Dark Web.

E’ importante ricordare che il Dark Web è un cyber spazio complesso e spesso pericoloso. Ma, se si utilizzano i servizi e i siti legali e sicuri, si possono trarre vantaggi significativi.

Navigare su un sito del dark web  non è reato in Italia, ma acquistare oggetti o servizi illegali è perseguito dalla legge secondo il Diritto Penale.

Siti illegali del Dark Web chiudi dalle autorità

Alcuni esempi di siti del Dark Web che chiusi dalle autorità negli anni passati:

Silk Road: un mercato online utilizzato per la vendita di droghe illegali, è stato chiuso dalle autorità nel 2013.

AlphaBay: un mercato online utilizzato per la vendita di droghe illegali, armi e altri beni illegali, chiuso dalle autorità nel 2017.

Hansa Market: un mercato online utilizzato per la vendita di droghe illegali, armi e altri beni illegali, chiuso dalle autorità nel 2017.

Dream Market: un mercato online utilizzato per la vendita di droghe illegali, armi e altri beni illegali, chiuso dalle autorità nel 2019

Wall Street Market: un mercato online utilizzato per la vendita di droghe illegali, armi e altri beni illegali, chiuso dalle autorità nel 2019

Questi sono solo alcuni esempi di siti del Dark Web che sono stati chiusi dalle autorità in passato, come si deduce dalla cronaca.

Prudenza per evitare i pericoli reali

E’ fondamentale sottolineare ancora una volta che il Dark Web è potenzialmente molto pericoloso.

Il valore di questo post è esclusivamente conoscitivo, e la conclusione non può che essere quella di consigliare di non utilizzare il Dark Web e di reperire beni, servizi ed informazioni da siti legali e certificati del Web in chiaro.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments